“Ciò che rende socievoli gli uomini è la loro incapacità di sopportare la solitudine e, in questa, se stessi.”

Arthur Schopenhauer (1788-1860), filosofo tedesco